Livadia


Delfi - Livadia, 42 km.28

A Delfi prendiamo la statale 48 verso Atene, con il monte Parnaso sulla sinistra, che ci accompagnerà per parecchia strada. Virgilia, implacabile, snocciola la lettura dei Ragguagli di Traiano Boccalini. Tutti e duecento ha promesso di leggermeli, a costo di scaricare l’interfono, mi sa proprio che la Pizia non l’ha digerita. Nel frattempo, opposto al Parnaso, si vede l’Elicona.

Qui vivevano le Muse, è certamente il caso di invocarle. Già, ma quale sarà la musa della poesia turistica: Micheline? (pronunzia: Miscelìn). L’invocazione alla musa ci vuole, se no, quando la finisco di scrivere questa guida. E già che ci sono, le chiedo pure di far smettere il rosario dei Ragguagli di Parnaso. Ha smesso! Viva Micheline! L’undecima musa, perché la decima è il cinema, lo so, lo so.

Guida, o Michelin,
il nostro buon cammin,
tra ’l cielo, il sole e ’l mar,
non farci mai bucar.

D’accordo, non sarà un gran che come invocazione, ma io sono qui in veste di investigatore e non di poeta, abbiate pazienza.

Finalmente arriviamo a Livadia, famosa per l’oracolo di Trofonio, che chi lo consultava rimaneva sconvolto per tutta la vita. Virgilia mi porta nel parco dove ancora oggi sgorgano le sorgenti Lethe e Mnemosine, le cui acque il pellegrino, prima di affrontare l’oracolo, doveva bere per dimenticare e poi ricordare tutto.

Ammetto che dopo l’acqua di Castalia sono un po’ scettico sulle capacità di queste fonti, ma Virgilia insiste, berrò dalla prima per farla contenta. Per lo meno l’acqua è limpida, 7 Mega, 6 Mega, cosa sono queste scritte che mi appaiono, 5 Mega, continuo a sorseggiare, 4 Mega, 3, 2, 1, mi sento strano, mi rivolgo a Virgilia: - My mind is going - perché parlo inglese?

Virgilia mi chiede: - Come ti senti?
- Insert diskette in drive a:
- Ti senti bene? - mi scuote,
- Abort, Ignore, Retry?

Prende il bicchiere, lo riempie con l’acqua dell’altra fonte, e me lo porta alla bocca.
L’acqua comincia a scendere nella gola, mi sembra di svegliarmi da un lungo sonno.
- You start me up!
Mi riprendo un po’, continuo a bere, mi sento meglio, so dove sono, bevo ancora, recupero lucidità: nel garage di zio Nicola, ecco dove ho scordato i Rayban il 3 maggio 1983, devo tornare a riprenderli!

- Virgilia andiamo, devo tornare a recuperare gli occhiali.
Virgilia mi toglie il bicchiere di bocca e getta via l’acqua rimasta,
- Tornare, dove?
- A prendere gli occhiali.
- Sì, ma dove?
- Eh? A... non mi ricordo. Già, dove li ho lasciati?

Virgilia mi prende per mano e mi porta al ristorante Xenia. Mentre camminiamo mi chiede:
- Ti sei convinto dei poteri dell’acqua mitologica?
- Acqua? Quale acqua?

Capitolo seguente


[28] Delfi, 11 km, Arahova, 13 km, bivio per Osios Loukas, 18 km, Livadia.


pubblicato il 6 novembre 2011; modificato il 12 febbraio 2013.

Nel 2018 ci sono stati accessi al sito;
Motocicliade è stato visitato volte.